Home > Argomenti vari > Copione

Copione

19 Maggio 2007

Treno per milano. Un sole giallo da sera di mezzo maggio inonda lo scompartimento. Rumore di treno in sottofondo. La cazzula rientra da una giornata di lavoro fuori piazza e se ne sta piantato nel sedile del treno cercando di atteggiarsi un po’. Si ficca l’ipod nelle orecchie e ostenta attenzione su un librazzo di finanza. O per meglio dire su un report. Intanto maneggia nervosamente il blackberry semi nuovo. Che non ha nemmeno uno sfriso sul display. Pensa che gli altri passeggeri provino una sottile antipatia. O forse lo ignorano alla grande e si fanno i cazzi loro. Nel frattempo chiede in prestito una penna ad una vicina di posto caruccia. Mentre lei fruga nella borsetta, la cazzula non puo’ fare a meno di notare che le ragazza sta leggendo un articolo sulla pornografia. Lei trova la penna, gliela passa e riprende a leggere, e leggendo fingendo disinteresse. La cazzula se ne sta li un po’ tra il brusco ed il lusco: intavolare conversazione o soprassedere? Nel frattempo lei, come se niente fosse, chiude il giornale e gli poggia una mano sulla gamba.

Categorie:Argomenti vari Tag:
  1. Dav’
    20 Maggio 2007 a 17:22 | #1

    …ma quindi “copione” nel senso di “persona che contraffà spudoratamente le opere altrui” o nel senso di “…come da copione”? :-)
    In ogni caso manca il finale del racconto: gli poggia una mano sulla gamba, e…?
    Come nelle migliori – peggiori? – scene da film porno prende ad accarezzarlo maliziosamente finchè non sopraggiunge la capotreno (rigorosamente platinata & supermaggiorata), che prontamente si unisce a formare un voluttuoso menage à trois, per la gioia dei passeggeri limitrofi?

    Dài Cazzula, non tenerci sulle spine!…

I commenti sono chiusi.