Archivio

Archivio Luglio 2005

LercioPanda

22 Luglio 2005 2 commenti


Devo ricordarmi di portare dal meccanico LercioPanda. La spia del freno si accende di nuovo ad ogni curva a sinistra. Gli dirò: ?Eccomi! Mi scusi se non mi sono fatto vivo per due settimane. L?auto comunque ha chiesto aiuto da subito: sarà stato tipo mezz?ora dopo che l?ho ritirata con la frizione nuova. Contento, vero? Credo le si sia affezionata, la baldracca.
Gliela lascio un altro paio di giorni; così ha tutto il tempo per inventarsi una buona scusa per chiedermi un centinaio di euro. Come dice? Probabilmente di più? Evvabbè, dovrà pure pagarlo in qualche modo il master in economia d?impresa ai suoi figlioli, no??

Fanculo alle catene di montaggio della Fiat auto: ?la grande auto è tornata a parlare italiano!?
Che cos?è, stronzi, un?ammissione di colpa? La beffa dopo averci gabbato? Come a dire: “fino a ieri le nostre belle Panda le si faceva in brasile col glorioso motore delle 127!”
Glorioso un cazzo.
Quella stronza sono sei anni che fa avanti e indietro dal meccanico. Facevo prima a comprarmi una merda di Mercedes offrendo in garanzia il pancreas.
E danke al cazzo.

Categorie:Argomenti vari Tag:

Ulisse

21 Luglio 2005 Commenti chiusi

La Cazzula se la ride soddisfatto. Mentre tra le sue colleghe in infardito imperversano commenti sul concerto degli U2, lui pensa che tra due giorni, Ulisse dei tempi moderni, salpera’ alla volta della Scandinavia. Un giusto mix tra “La meglio gioventu’” ed “Easy riders”. Colonna sonora: Dummy dei Portishead e i successi dei Nuovi Angeli. A dispetto dell’equipaggio di partenza (Cazzula, Fainis e Mariangela), dinamico quanto un sommergibile a gas, la Cazzula è decisa, decisissima anzi, a passare una vacanza trasgressivo-adolescenziale con retrogusto fruttato e colore limpido. Tornerà con un piercing al sopracciglio o un figlio a carico? Oppure semplicemente con un fegato arrabbiato e qualche souvenir scadente?
Lo scopriremo solo vivendo … per ora la Cazzula si chiede : sarà piu’ efficace uno stile post-coloniale oppure radical-chic? Nel dubbio la barba lunga rimane un punto fermo.

Categorie:Argomenti vari Tag:

Nausea

21 Luglio 2005 Commenti chiusi

Nausea nausea nausea nausea nausea nausea.
Il doposbronza in ufficio è un?esperienza fastidiosa.
Ho un certo senso di nausea, il cervello come uno sformato di merda e l?intero condotto gastro-digerente convinto che il giusto senso di marcia sia dal basso verso l?alto. Quindi devo stare molto attento su cosa mi siedo.
Sto davanti al monitor sperando che ciò induca i circostanti ad ignorarmi. Ma so che non funzionerà. Non per molto. E allora, quando qualcuno proverà a farmi una qualsiasi domanda, mi apparirà sulla fronte una finestrella in stile windows con la scritta ?l?applicazione non risponde? e sotto i pulsanti ?termina ora?, ?attendi? e ?rutto al cubalibre?.
La festa di ieri sera alla fine non è stata male.
Unica nota negativa è che D.R., quella famosa per la frase di qualche tempo fa ?dovrai trattarmi come una sorella perché adesso ho un ragazzo? ha avuto la brutta idea di presentarsi col suddetto.
Mi pare di ricordare tutto e non credo di essere stato troppo stronzo con il coglionazzo (lo è a prescindere, punto).
Eppure qualcosa dev?essere accaduto perché ieri notte, dopo la festa, saranno state le due, mentre fissavo il nuoto sincronizzato femminile su raidue con la testa tra le mani (lo giuro, era la testa. Si prega di evitare battute fin troppo facili) e in faccia l?espressione dell?addetto alla pulizia cessi della stazione centrale, in quello spiacevole frangente la voce di D.R. sbuca dal cellulare e mi fa: ?Tu sei una vera merda, pensaci. Adesso e domattina quando ti svegli.? Clic.
Sarò insensibile, ma non ho dormito male. A parte la stanza che girava.

Categorie:Argomenti vari Tag:

Nuove da Saronno

8 Luglio 2005 1 commento


Salve macachi, qui Saronno, provincia di Varese.
Qui di famoso c’è un calzaturificio, credo, e nient’altro, non c’è nemmeno una squadra di calcio decente di cui valga la pena parlare, se anche avessi ancora voglia di appassionarmi al calcio, voglia che peraltro non ho, quindi il problema nemmeno si pone.

Mi mancava, il blog. In realtà non sapevo che mi mancasse: l’ho scoperto leggendo gli ultimi (ancorchè datati) post di MX e La Cazzula, acuti e irriverenti predicatori nel deserto di Mondo Precotto.

Mi domando se anche loro hanno fatto la fatica che sto facendo io a racimolare un paio di frasi di senso compiuto, ed a mettere insieme uno straccio di filo logico per i loro racconti di notti brave e giorni tediosi.
Una volta mi piaceva molto scrivere, e ripensandoci ora, di fronte al monitor del mio PC, che ho acquistato coi soldi derivanti dal mio lavoro, nella camera da letto del bilocale il cui affito pago con lo stipendio che mi viene erogato a fronte di quaranta ore di fatiche settimanali più un’altra ventina di ore spostamenti tra treni, metropolitane, autobus, navette e lavoro di calcagni, ripensandoci ora dicevo, mi rendo conto di avere la sensazione di essermi come inaridito. Ho la sensazione che in un tempo non distante da oggi, eppure contemporaneamente antichissimo e quasi appartenente alla sfera del mito più che a quella del ricordo, idee, parole, metafore, similitudini, aforismi, citazioni, invenzioni linguistiche, iperboli sintattiche e stronzate della più infima natura sgorgassero dalla mia mente come zampilli, ma che dico, come getti impetuosi prorompenti da una fonte inesauribile e mai doma.
Ora per partorire questa sconclusionata accozzaglia di frasette mi è quasi venuta l’emicrania, ed ho fatto dei notevli sforzi per vincere la tentazione di ricorrere in più d’un’occasione al “Dizionario dei sinonimi e contrari” che tante volte mi fu d’aiuto in quel del caro, vecchio Karduzzi (alcoolico, beninteso, e intenda chi può).

Ma il punto dunque qual’era?

Ah, già. L’inaridimento, il lavoro, Saronno.
Non so, mi son perso. Volevo raccontare di qualcosa che avesse a che fare con questi tre aspetti della mia vita.
Ma mi sento un po’ inaridito, per l’appunto.

Credo che rimanderò l’appuntamento con la creatività ad un momento più propizio; per il momento, ho ottenuto almeno una parte dello scopo che mi ero prefissato… dire al blog, al Mondo Prekotto, al mondo intero, e forse anche a me stesso, che ci sono ancora.

A presto.

Categorie:Argomenti vari Tag: ,